L’Ufficio Presidenziale della Sezione PPD di Bellinzona dice sì all’aggregazione

admin

14 September 2015

Lo scorso 3 settembre 2015 la Direttiva PPD di Bellinzona ha organizzato un interessante dibattito sul tema dell’Aggregazione. Grazie anche alle suggestioni e alle domande poste dal pubblico, gli ospiti intervenuti hanno affrontato con criticità svariati aspetti correlati al progetto sul quale la popolazione sarà chiamata ad esprimersi il prossimo 18 ottobre 2015, trattando prioritariamente il tema delle istituzioni, della pianificazione del territorio e dell’amministrazione pubblica in generale.

In particolare, l’avv. Filippo Gianoni ha ripercorso la storia delle aggregazioni del bellinzonese, mentre il Capo Sezione degli Enti locali, ing. Elio Genazzi, ha illustrato le caratteristiche dei processi già attuati e di quelli attualmente in corso, sia su territorio cantonale, sia nazionale.

Al tavolo dei relatori sedeva pure Edy Dell’Ambrogio, che aveva preso parte, quale consulente esterno, all’allestimento dello studio aggregativo, commissionato dai 17 Comuni coinvolti; Dell’Ambrogio ha permesso di far chiarezza su aspetti importanti di natura finanziaria.

Il sindaco di Mendrisio, signor Carlo Croci, e il Responsabile dell’Ufficio per la politica dei quartieri della città di Lugano, signor Luca Cao, hanno portato la loro esperienza personale sul campo, fornendo esempi concreti di problemi e risoluzioni adottate nei loro rispettivi Comuni. Tra questi sono emersi in particolare aspetti di ordine pratico e organizzativo che hanno consentito di salvaguardare le specificità dei singoli quartieri e la prossimità del nuovo Municipio con la popolazione.

Alla luce di quanto è emerso nel corso della serata, l’Ufficio Presidenziale della Sezione PPD di Bellinzona ha rafforzato la propria convinzione sulla bontà e la necessità del progetto aggregativo.

Si tratta di un’occasione imperdibile per affrontare al meglio le sfide finanziarie e territoriali che Bellinzona, e i Comuni limitrofi, saranno chiamati ad affrontare nel prossimo futuro. Un Comune unico, forte e compatto, consente di reagire con maggiore efficienza alle richieste dei cittadini e di acquisire una maggiore forza di dialogo sia nei confronti degli altri Comuni, sia nei confronti del Cantone. L’aggregazione porterebbe ad un riequilibrio di forze a livello cantonale in cui oggi Lugano è riconosciuto quale unico polo di riferimento, a discapito del Sopraceneri, e ciò senza che sia da temere una perdita di identità per le singole entità coinvolte, le quali vedranno, al contrario, rafforzate la loro posizione e la loro capacità di sviluppo.

Per ulteriori informazioni: Nicola Pasteris, Presidente PPD Bellinzona 079 933 13 01

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *